CCL dell’industria grafica: i partner sociali prolungano il CCL attuale fino al 31 dicembre 2022

Annuncio congiunto delle parti sociali syndicom, Syna e viscom

Il contratto collettivo di lavoro dell’industria grafica concluso nel 2018 per una durata di tre anni avrebbe dovuto esser rinnovato nel 2021.

In considerazione della persistente situazione di tensione legata al Coronavirus, le parti sociali viscom, Syna e syndicom hanno deciso di prorogare l’attuale CCL e le due convenzioni a esso affiliate sulla formazione professionale e la formazione continua libera nella loro forma attuale fino al 31 dicembre 2022. Questa proroga fornisce ad aziende e collaboratori coperti dalla convenzione la continuità e la stabilità di cui attualmente necessitano, per concentrarsi pienamente sul superamento della crisi.

La pandemia, che dura ora da più di un anno, colpisce duramente numerose aziende del settore dell’industria grafica.

Fortunatamente, il lavoro ridotto in corso permette attualmente di evitare perdite di posti di lavoro, ma porta a notevoli perdite finanziarie alle persone che ne sono colpite. Le parti sociali continueranno quindi a sostenere al meglio i propri affiliati, sia le aziende che i collaboratori. In contatto diretto, ma pure continuando a fare pressione sulle autorità cantonali e federali per ottenere l’aiuto e il sostegno necessario per trovare una via d’uscita da questa crisi.

syndicom
Angelo Zanetti 
segretario centrale

Syna   
Migmar Dhakyel
segretario centrale

viscom
Thomas Gsponer
direttore